SOVIET SOVIET LIVE : Il Tour di Endless sbarca al First Floor col suo carico di Post Punk
25.11.17 // First Floor Club
Via G. Carducci, 7 // Pomigliano D’Arco // Napoli

Dopo il capolavoro del 2013, la band è riuscita nell’impresa di mantenere una propria identità forte, senza correre il rischio di ripetersi o risultare stantìa. “Endless Beauty”, in questo senso, è forse il segno più evidente dell’evoluzione del gruppo: un suono più curato, più ragionato e, soprattutto, un maggiore interesse per le melodie. D’altra parte il nucleo della nebulosa è rimasto intatto: la corposa new wave in stile A Place to Bury Strangers, le chitarre affilate e distorte e la massiccia sezione ritmica sono sempre lì a ricordarci di quel sound Soviet Soviet che si è fatto conoscere e apprezzare dall’America all’Est Europa.  Gabriele Naddeo – Rockit.it

Questo è solo il secondo disco per i pesaresi Soviet Soviet, ma la band è ormai da anni ritenuta una delle realtà più credibili tra coloro che si confrontano non con la tradizione di casa nostra, ma con stili provenienti dall’estero. In particolare, il trio si rifà in modo evidente al post-punk e alla wave, a tal punto che, se proprio si può muovere una critica all’ottimo debutto “Fate”, è quella per cui il disco rischiava di risultare un ascolto eccessivamente “di genere”. L’uscita di questo “Endless”, quindi, portava con sé la curiosità di capire se la band fosse in grado di personalizzare un po’ i propri modelli, e, alla prova dell’ascolto, la risposta è senz’altro affermativa.
Ondarock / Recensioni / 2016 / Soviet Soviet – Endless